Mark Dion

MARK DION – Arte e Natura

Mark Dion è un artista concettuale americano che vive e lavora a New York ma le sue opere sono state esposte in numerose mostre e musei in tutto il mondo.

Vincitore di molti premi come il Larry Aldrich Foundation Award (2011) e l’American Art Museum Smithsonian Art Award Lucida (2008); le sue opere spiccano per il forte legame che intrecciano con altre discipline appartenenti sopratutto al campo della storia naturale, ecologia e zoologia nonché per i suoi interessi di archeologia.

Mark Dion
Mark Dion

Dion è fortemente influenzato dai metodi scientifici, in particolare gli interessano gli scritti di Stephen Jay Gould (biologo e zoologo statunitense considerato un grande divulgatore scientifico) e la tassonomia (utilizzata sopratutto nel diciottesimo secolo per classificare ed interpretare il mondo naturale).

Mark Dion, Oceanomania
Oceanomania, Mark Dion, 2011,33 x 40.6 cm
Mark Dion, Presidio Cabinet
Presidio Cabinet, Mark Dion, 2012, matita su carta, 22.9 x 30.5 cm

Egli cerca di evidenziare, con le sue opere, il ruolo e la voce del mondo scientifico nella società contemporanea, esplora le rappresentazioni culturali della natura e mette in confronto le strutture che governano il mondo naturale con quelle dei campi artistici e culturali. In quanto artista concettuale ipotizza e realizza nei suoi lavori un approccio poetico, aperto all’interpretazione ma con elementi che danno possibili indicazioni per riflessioni sull’attualità.

Mark Dion, The Macabre Treasury
The Macabre Treasury, Mark Dion, 2013, Museum Het Domein, Olanda
Mark Dion, Providence Cabinet
Providence Cabinet, Mark Dion, 2001, 254 x 187 x 48 cm

Non mancano collaborazioni con altri artisti, scienziati, comunità e istituzioni artistiche o scientifiche.

Svariati i suoi metodi di creazione artistica: installazioni, sculture, performance e video o film, ma i gabinetti delle curiosità d’ispirazione ciquecentesca sono tra gli elementi più ricorrenti nelle sue opere in grado di raccogliere, ordinare ed esibire i numerosi spunti della poetica di Dion.

Mark Dion, cabinets of curiosities
Cabinets of curiosities, Mark Dion, 2001, Weisman Art Museum, Minnesota
Mark Dion, The Curiosity Shop Detail
The Curiosity Shop Detail, Mark Dion, 2005, tecnica mista, 3.8 x 8.5 x 3.7 m
Mark Dion, The Lost Museum Brown University
The Lost Museum Brown University, Mark DIon, 2014-2015, Providence

 

Vedi l’opera di Mark Dion nel museo di Monaco: http://wondercabinets.altervista.org/oceanomania-monaco/


Foto e Info da:

http://www.tanyabonakdargallery.com/artists/mark-dion/series

http://www.tate.org.uk/art/artists/mark-dion-2789

http://nevolution.typepad.com/theories/museonomics/

http://www.wheatonarts.org/programs/past-exhibitions/emanation/11885-2/

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva