Mattias Adolfsson

Le illustrazioni di MATTIAS ADOLFSSON

Mattias Adolfsson è un illustratore autodidatta svedese. Riempie numerose agendine della Moleskine con disegni realizzati usando penna stilografica e acquarello.

Mattias Adolfsson
Le agende di Mattias Adolfsson
Mattias Adolfsson
Gli strumenti di Mattias Adolfsson

Vincitore del “più bel libro svedese” 2014 ha lavorato per Disney, Amnesty International, The New York Times Magazine, … ma gran parte dei suoi disegni sono frutto di lunghi viaggi in treno, aereo o di quando si rilassa davanti alla televisione.

Riempie e anima le pagine bianche delle sue agende con: mondi fantastici, strani personaggi, città immaginarie, luoghi spaziali e molto altro ancora; tutti questi lavori sono accurati nei minimi dettagli e può capitare anche di trovare alcune stanze ricolme di oggetti che ricordano schizzi di Wunderkammer.

Tra i fogli di stanze artistiche la più impressionante è “The Grand Hall”: si tratta di un disegno che raffigura una grande sala invasa da oggetti vari (trofei di caccia, armi, astronavi, scheletri, robot, ecc.) sparsi ovunque ed alcuni personaggi che visitano questo luogo, fotografano, giocano, e c’è persino chi passa l’aspirapolvere, insomma una sorta di vignetta che permette all’osservatore di vedere ogni volta un dettaglio diverso, il quale non può che non lasciare stupiti.

Mattias Adolfsson
The Grand Hall, Mattias Adolfsson
Particolare The Grand Hall, Mattias Adolfsson
Particolare The Grand Hall, Mattias Adolfsson
Mattias Adolfsson
Particolare The Grand Hall, Mattias Adolfsson
Mattias Adolfsson
Particolare The Grand Hall, Mattias Adolfsson

Molto simile alla “The Grand Hall” c’è l’illustrazione della “The Large basilica” dove, questa volta, anche il colore contribuisce a rendere gli schizzi vere opere d’arte. Una grande basilica, composta da un’ unica sala con un grande rosone e colonne sottili che si affolla di eventi inattesi e, al posto dei paramenti sacri, un’ enorme quantità di cose assurde riempie ogni spazio disponibile .

Mattias Adolfsson
The Large Basilca, Mattias Adolfsson
Particolare The Large Basilca, prima del colore, Mattias Adolfsson
Particolare The Large Basilca, prima del colore, Mattias Adolfsson
Particolare The Large Basilca, Mattias Adolfsson
Particolare The Large Basilca, Mattias Adolfsson
Mattias Adolfsson
Particolare The Large Basilca, Mattias Adolfsson

Non mancano le rappresentazioni di musei sia reali che fantastici, una fra tutte quella utilizzata per la copertina del libro “The third line” intitolata “Grant museum of zoology” con il disegno animato dalla creatività di Adolfsson di una sala del museo di Zoologia di Londra. Segnalo infine che un altro museo londinese, il Sir John Soane’s Museum, è illustrato inSoane’s museum” ma l’elenco potrebbe continuare.

Mattias Adolfsson
Grant museum of zoology, Mattias Adolfsson
Grant Museum of Zoology, Londra
Grant Museum of Zoology, Londra
Mattias Adolfsson
Soanes museum, Mattias Adolfsson
Sir John Soane Museum, Londra
Sir John Soane Museum, Londra

Foto e Info da:

http://mattiasadolfsson.com/

http://www.arcticpaper.com/en/Home/Arctic-Paper1/Paper-Passion-Intro/Mattias-Adolfsson/

http://hifructose.com/2015/06/22/exclusive-interview-illustrator-matias-adolfsson-discusses-his-award-winning-the-second-in-line/